THE SPIELBERGS
11 Dicembre 2022
Foto alternative movie poster del film E.T. L'Extraterrestre di Steven Spielberg | Barry Blankenship | Soggettiva Gallery Milano

Da GIOVEDI’ 15 DICEMBRE “THE SPIELBERGERS”. In occasione dell’uscita del nuovo attesissimo film di Natale, , “The Fabelmans”, diretto da Steven Spielberg, l’attuale Mostra si arricchirà di una nuova “parete” a lui dedicata.

“THE SPIELBERGS” presenterà oltre a lavori su ET, LO SQUALO e INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO, DUEL,  le 3 opere (INDIANA JONES, PROVA A PRENDERMI E SCHINDLER’S LIST) commissionate da Soggettiva Gallery, in collaborazione con la Stamperia d’Arte Milano PrintMakers, all’artista Tiziano Pantano.

SPIELBERG E IL CINEMA

Da GIOVEDI’ 15  DICEMBRE “THE SPIELBERGS”

In occasione dell’uscita del nuovo attesissimo film di Natale, , “The Fabelmans”, già in odore di Oscar, diretto da Steven Spielberg, che qui firma un’intima lettera d’amore indirizzata al cinema,  l’attuale Mostra si arricchirà di una nuova “parete” dedicata ad uno dei più grandi registi americani. Un vero Mostro Sacro del Cinema, che  con i suoi film è stato capace di popolare di veri “mostri” i nostri sogni e i nostri incubi.

“THE SPIELBERGS” presenterà oltre a lavori su “E.T.”, che quest’anno compie 40 anni, (disegnato da Barry Blankenship), LO SQUALO e INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO (realizzati dall’artista americano Adam Juresko), DUEL (del francese Olivier Courbet ) le 3 opere commissionate da Soggettiva Gallery, in collaborazione con la Stamperia d’Arte Milano PrintMakers, all’artista Tiziano Pantano (Tizio 0.32), presente alla serata di inaugurazione.

L’ultimo film di Spielberg contiene un cameo prezioso. il leggendario John Ford, dispensatore di consigli e passione, in The Fablemans ha il volto del grande David Lynch. Un filrouge per Soggettiva Gallery che  aprirà il 2023 con la nuova mostra “LYNCH HIGHWAY”, dedicata agli artisti che hanno interpretato il mondo del regista più cult del Cinema americano. In concomitanza con l’uscita nelle sale della riedizione del film LOST HIGHWAY – STRADE PERDUTE, restaurato in 4K da The Criterion Collection con la supervisione di David Lynch(distribuito dalla Cineteca di Bologna) 

NON IL SOLITO SPIELBERG

Tiziano Pantano (in arte Tizio 0.32) ha studiato fumetto alla Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco a Milano e oltre a essere un fumettista è anche un musicista di basso e controbasso. Ha collaborato con molti writer della scena milanese e partecipato a numerose mostre collettive e in questo ambito.

A causa della retinite pigmentosa ha perso progressivamente la vista: per questo motivo nel 2018, per continuare a disegnare da non vedente, ha iniziato a realizzare “i disegni incollati”. Utilizzando moltissimi cartoncini di forme e colori differenti crea delle immagini, scegliendo i componenti con il tatto e intravedendone l’aspetto, senza conoscere il risultato finale ma solamente immaginandolo.

Queste le sue parole sulle opere realizzate per SOGGETTIVA GALLERY

SCHINDELR’S LIST 

“…ho deciso di ritrarre gli anni di persecuzione e di soprusi subiti in quegli anni da parte del regime nazista sulla popolazione ebrea sintetizzando in una unica immagine la caduta irrefrenabile della società di quegli anni.

Una donna nuda privata di ogni suo bene è rinchiusa all’interno di una cassa che precipita nel vuoto di un cielo nebuloso. All’interno della cassa vediamo piccoli pezzi di puzzle di color rosso a simboleggiare le tante persone che unite formano la società…altre casse cadono dal cielo, assieme a esse altre persone

INDIANA JONES E I PREDATORI DELL’ARCA PERDUTA

“…nell’opera la sintesi e la semplicità fanno da padrona e avvolgono il protagonista del nostro quadro: il cappello, un pavimento in pietra, un antico tempio abbandonato oramai da secoli, un deserto illuminato dalla luna…e Jones è lì”

PROVA A PRENDERMI

In primo piano vediamo un bambino che pare danzare, le braccia protese al cielo inquadrano un aquilone volare nel blu.

Il bambino vorrebbe prendere quell’aquilone, ma un aquilone che vola libero nel cielo non si può prendere, lo si può semplicemente osservare danzare tra le nuvole alte”

CHRIS BRAKE

Prima di passare al cinema, Chris ha lavorato come illustratore, esponendo spesso nelle rinomate gallerie d’arte della cultura pop di Los Angeles “Hero Complex Gallery” e “Gallery 1988”, producendo opere d’arte ufficiali per 20th Century Fox, Joss Whedon, Joe Dante e Roger Corman. Successivamente ha lavorato come assistente del dipartimento artistico per clienti come Virgin Media, Now TV, Little Mix e Jamie T. Il suo primo cortometraggio “Nest” è stato semifinalista al “Berlin Student Film Festival”, dove è stato nominato per il Premio della Giuria. 

Before moving on to film, Chris worked as an illustrator, often exhibiting in the renowned Los Angeles pop culture art galleries “Hero Complex Gallery” and “Gallery 1988”, producing official artwork for 20th Century Fox, Joss Whedon, Joe Dante and Roger Corman. He later worked as an assistant in the art department for clients such as Virgin Media, Now TV, Little Mix and Jamie T. His first short film “Nest” was a semifinalist at the “Berlin Student Film Festival”, where he was nominated for the Jury Prize.

STEPHEN LUROS HOLLIDAY

Da ragazzo ero appassionato di fumetti. Ho iniziato andando ai corsi di illustrazione di fumetti alla Heron Art School di Indianapolis. È stato solo al college alla School Of The Art Institute di Chicago che ho scoperto il mio amore per la serigrafia. Ho disegnato di tutto, dalle fan art, alle stampe dei film con licenza ufficiale, ai poster dei concerti. 

Il mio lavoro è stato esposto in varie mostre collettive dedicate a vari argomenti cinematografici. Ho lavorato con GalerieF a Chicago, Hero Complex Gallery, Gallery1988 e Creature Features a Los Angeles.

MAX DALTON

Max Dalton, illustratore, pittore e musicista e scrittore occasionale. Crea spesso illustrazioni per poster, libri, riviste, giornali, pubblicità e prodotti.Ha partecipato a molte mostre collettive e personali a New York, San Francisco, Los Angeles, Arizona, Parigi, Seoul e altro ancora. Il suo lavoro è apparso in molte riviste come The New Yorker, Monocle e O, The Oprah Magazine.

Max Dalton is an illustrator, painter, musician and writer. He often designs for posters, books, magazines, newspapers, advertisements and products. He has participated in many group and solo shows in New York, San Francisco, Los Angeles, Paris, Seoul and elsewhere. His work has appeared in magazines such as The New Yorker, Monocle and O, The Oprah Magazine.

OLIVIER COURBET

Olivier Courbet è un creativo multidisciplinare francese con sede a Los Angeles, California. Lavora con marchi, agenzie, studi cinematografici e startup di tutto il mondo tra cui Dreamworks, Paramount, Disney, Mattel, Will.I.AM e NBA.Ha vinto numerosi premi e il suo lavoro è stato descritto in vari libri e pubblicazioni di design tra cui Computer Arts, Logology, SXSW.

 

LAN LAWSON

Nan Lawson è un’artista e illustratrice con sede a Los Angeles. Si è laureata in regia cinematografica alla Syracuse University, ma dopo la laurea ha perseguito la sua passione per l’illustrazione. Ora ha unito il suo amore per il cinema e l’arte per dedicarsi alla cultura pop e alla locandina. Lavora nell’editoria e nell’industria dell’intrattenimento; crea libri illustrati e copertine di libri, oltre a opere d’arte e manifesti per film e televisione.

Ha lavorato con clienti tra cui Harper Collins, Audible, Random House, Hachette, Amblin Entertainment e Warner Bros.